Plus ça change, plus c'est la même chose: quando il cambiamento non e' sistemico

The more things change, the more they stay the same

 (Jean-Baptiste Alphonse Karr, 1849)

 

Perché cambiare è complicato?

 

Opinione comune è quella di credere che per realizzare un cambiamento o apportare un’innovazione, di qualsiasi genere ed in qualunque settore, siano sufficienti la volontà, un obiettivo e gli strumenti tecnologici e finanziari per raggiungerlo.

 

Condizioni, queste, certamente necessarie, ma non sufficienti.

 

Sarebbe, infatti, come pretendere di compiere un viaggio fissando una meta, disponendo di un auto e del denaro necessario, senza però saper guidare.

 

La mancanza di tale capacità, infatti, comprometterebbe non solo il raggiungimento della destinazione, ma altresì la sicurezza dei viaggiatori, così come di tutti coloro che essi incroceranno lungo la loro strada.  

 

Se nelle nostre società è piuttosto scontato che per poter guidare un’auto sia indispensabile possedere la patente, siamo ancora lontani dalla consapevolezza che per poter realizzare un cambiamento siano necessarie delle capacità specifiche di base che nulla hanno a che vedere con le conoscenze tecniche richieste dai settori interessati. Si tratta delle competenze di Change Management

 

Cosa significa?

 

Significa che, generalmente, quando il processo di cambiamento e di innovazione non si realizza oppure non arriva al risultato desiderato, quando si infrappongono problematiche importanti, quando la sproporzione tra costi e benefici è ingente, quando le relazioni tra gli attori coinvolti diventano conflittuali, quando si destabilizzano irreversibilmente degli equilibri, quando qualcuno o qualcosa si oppone, quando parallelamente al buon conseguimento dell’obiettivo si innescano conseguenze negative, o le azioni non si dimostrano essere sostenibili, molto probabilmente il percorso non è stato strutturato sulla base delle conoscenze necessarie. Di conseguenza, lo scarto tra l’idea progettuale e la realtà finale può dimostrarsi enorme, peggiorando le condizioni di partenza.

 

Un po’ come se si pretendesse di trasformare un disegno amatoriale in un edificio senza l’intervento di un architetto o di un ingegnere.

 

Eppure, che si tratti di un processo di cambiamento e innovazione aziendale o sociale, politico, economico o culturale, ancora oggi di rado si investe nell’utilizzo di professionisti specializzati o nella costruzione di conoscenze ad hoc, a rischio e detrimento dell’intero percorso.  

 

Cosa sono le capacità fondamentali per cambiare?

 

Il cambiamento sistemico è quella professione che applica le regole e le conoscenze della Teoria dei Sistemi ai processi di innovazione, sviluppo e crescita di contesti (sistemi e ambienti) specifici.

 

Grazie all’insieme dei saperi e delle capacità acquisite da chi pratica questo lavoro, l’intero percorso, dalla fase di progettazione al termine della sua implementazione, viene reso fattibile, inclusivo, adeguato, contestualizzato, pertinente, rilevante, sostenibile e più sicuro rispetto al sistema coinvolto.

 

Tali capacità permettono, tra il resto, di individuare un obiettivo realmente appropriato e raggiungibile; Di utilizzare una visione e un approccio circolari; Di riconoscere e includere i soggetti interessati; Di comprendere a quale livello agire: se modificando le caratteristiche oppure le strutture di un sistema; Di distinguere le strutture disfunzionali e ostative di un sistema e sostituirle con regole adatte ed efficaci per la realizzazione del cambiamento desiderato; Di evitare destabilizzazione o conflittualità interna; Di includere nel processo e di ottimizzare le risorse esistenti; Di ridurre i costi; Di migliorare il funzionamento complessivo del sistema interessato.

 

Qual è la nostra metodologia di lavoro?

 

Secondo il nostro approccio, il professionista del cambiamento sistemico si pone l'obiettivo di trasferire agli attori interessati le conoscenze e le capacità fondamentali affinché possano conseguire al meglio gli obiettivi che desiderano.

In questo modo, il cambiamento sarà il risultato di un percorso endogeno, unico e proprio di quel sistema, mentre l’autonomia e l’autodeterminazione dei protagonisti, nonché la gestione del loro percorso di crescita, verranno notevolmente rafforzate. 

 

InnoSuccess supporta i processi di cambiamento e di innovazione avvalendosi di competenze specifiche professionali trasversali, sia nell’ambito dei servizi offerti che degli interventi di capacity building e di formazione, e si impegna costantemente nella diffusione di conoscenze e di abilità fondamentali per la realizzazione di uno sviluppo inclusivo, sostenibile ed equo.